Gruppi - WEBSITE X5 UNREGISTERED VERSION - La Parola nella Vita

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Gruppi

Esperienze > Riflessioni > Rubriche
Dom Tomás Balduino

Il 2 maggio è morto – a 91 anni - Dom Tomas Balduino, fondatore della Commissione Pastorale della Terra, vescovo degli indios e dei senza terra brasiliani.
Nato a Posse, in Brasile, il 31 dicembre 1922, è entrato nella Congregazione dei Frati Predicatori (Domenicani) ed è stato consacrato sacerdote con il nome di Frei Tomás il 4 luglio 1948.Il 15 agosto 1967 è stato nominato prelato coadiutore di Santíssima Conceição do Araguaia.
Consacrato vescovo di Goiás il 26 novembre 1967, si è ritirato, per raggiunti limiti d'età, il 2 dicembre 1998.
Ha aderito, fin dai primi anni del suo ministero, alla Teologia della Liberazione. È stato il primo presidente della Commissione Pastorale della Terra. Si è sempre battuto in favore degli Indios e dei poveri delle campagne. Filosofo e scrittore, è contrario alle élite economiche e politiche brasiliane, chiede da sempre la fine del latifondisimo e dei conflitti rurali a discapito dei contadini.

OMAGGIO DEI MILITANTI DEL MOVIMENTO SEM TERRA a DOM TOMAS BALDUINO

La nostra eterna gratitudine a Dom Tomas Balduino..
Con le parole del poeta Pedro Tierra


Si è spenta una voce degli oppressi

Si è spenta la voce di Tomás Balduino,
in questa notte del 2 di maggio.
Una voce che non volle mai essere solitaria,
sapeva, dagli anni di piombo:
che una voce solitaria non fa sorgere il mattino.

Volle essere una voce tra le voci.
Ha innalzato la sua voce nel vasto coro degli oppressi:
tra gli indios, i posseiros, i contadini,
i retiranti per la siccità e per le recinzioni,
e tra quelli che si ribellano a tutto questo;
tra le donne, i negri, i migranti, i pellegrini
per stimolare la luce, per insegnare l’alba.

Tomás è parola.
La parola che bagna come balsamo.
La parola che fustiga.
Incendia.
La parola che perdona
ma indica –sempre- il cammino della Giustizia.
E cosa siamo nella vita?
Siamo i resti delle parole
che popolano il cammino di pietra o fiori,
che fanno sanguinare i piedi dei nostri figli.

Tomás è sertão.
Il sertão e le sue trappole
Il sertão e le sue infinite contraddizioni.
Tomás è sertão
dove si intrecciano i venti  di Goiás e Minas,
dove nascono le acque
in questa infinita geografia
che alimenta le nostre speranze.

Si è spenta la voce di Tomás Balduíno.
Resterà la sua parola
Tomás è sertão:
gesto di fede in questa gente che non si piega

Brasilia, Mattina del 3 maggio 2014

 
Torna ai contenuti | Torna al menu